Welcome to MEIKO.
Please select a country and click "confirm".
The clean solution

Sicurezza

Maschere di protezione respiratoria: trattamento manuale o automatico?

Il lavaggio manuale è sicuramente efficace, ma per la pulizia delle maschere di protezione respiratoria e dei regolatori di pressione non basta. Con la TopClean M MEIKO il trattamento è più veloce, più economico – e soprattutto più igienico.

Per i vigili del fuoco è importante poter fare affidamento sui colleghi, ma anche l'attrezzatura conta. Nel gergo della protezione respiratoria, è ormai entrato in uso il temine catena della sicurezza.

La catena della sicurezza tiene insieme tutte le misure, i metodi, le tattiche, le attrezzature e le apparecchiature che rendono sicuro un intervento con impiego della protezione respiratoria e, nei casi di emergenza, permettono di soccorrere chi indossa i dispositivi di protezione delle vie respiratorie con un soccorso di emergenza.

La catena della sicurezza comprende tutta la filosofia di sicurezza nella protezione respiratoria – dalla preparazione dell'intervento alla sua esecuzione fino al post intervento. Interromperla potrebbe significare mettere a repentaglio la vita di chi indossa i dispositivi di protezione respiratoria.

Vantaggio della TopClean M: processi validi e sicuri

Il trattamento dei dispositivi di protezione respiratoria rientra nel post intervento. E anche qui, proprio come per combattere le situazioni di pericolo, per trattare i dispositivi di protezione individuale (DPI) è utile applicare processi precisi e di comprovata validità.

Un trattamento manuale, tuttavia, non sarebbe una garanzia. Questo metodo, come tutti i procedimenti manuali, nasconde varie fonti di errore: un dosaggio scorretto dei prodotti chimici, una bagnatura insufficiente dei prodotti, un tempo d'azione troppo breve – o magari troppo lungo, perché può sempre capitare una chiamata nel bel mezzo del trattamento.

Proprio quel che è accaduto al comando dei vigili del fuoco della città Lahr. Il risultato: le maschere di protezione respiratoria sono rimaste a bagno oltre il dovuto. Il plastificante si è staccato dalla gomma, lasciando tracce nere sul viso dei vigili del fuoco all'intervento successivo.

Il Prof. Dr. Walter Popp, direttore di igiene ospedaliera presso la clinica universitaria di Essen, dimostra con una perizia, basata su test approfonditi, che la «TopClean M assicura una buona azione di lavaggio e disinfezione. (...) In generale, il trattamento automatico delle maschere di protezione respiratoria è da preferirsi a quello manuale.»

>> All'attestato di igiene

  • A differenza del trattamento manuale, questo non può accadere con la TopClean M: qui tutti i parametri del processo di trattamento (tempo, prodotti chimici, azione meccanica, temperatura) sono predefiniti e affidabili.
  • Il blocco porta integrato assicura che, una volta premuto il tasto di avvio, i processi non vengono più interrotti.
  • Grazie al rilevamento del vuoto integrato, i cicli di lavaggio non funzionano senza una quantità sufficiente di prodotti chimici.

«Naturalmente anche il nostro precedente metodo manuale era affidabile. Tuttavia la TopClean M, e quindi il lavaggio automatico, non è solo affidabile, ma garantisce anche una maggiore sicurezza del processo.

Thomas Happersberger, Comandate dei Vigili del Fuoco della città di Lahr

Vantaggio della TopClean M: sicurezza d'uso

Se il trattamento manuale non viene eseguito in condizioni appropriate, può avere ulteriori svantaggi per l'utilizzatore: potrebbe respirare i vapori del detergente, i prodotti chimici aggrediscono l'epidermide e la contaminazione sul DPI potrebbe nuocergli anziché proteggerlo.

Il trattamento automatico, invece, si svolge in un sistema chiuso, ovvero direttamente nella TopClean M. Questo significa soprattutto una cosa: più sicurezza per l'utilizzatore, perché non entra in contatto diretto con il detergente chimico.

Vantaggio della TopClean M: un metodo approvato

Un articolo della rivista tedesca «Der Sicherheitsbrief» descrive il caso di un vigile del fuoco che, nel corso di un intervento, non riceveva aria dalla maschera di protezione respiratoria a causa della valvola di inalazione incollata. L'uomo ha dovuto strapparsi la maschera nel mezzo dell'operazione, finendo per respirare l'aria dell'ambiente, ed è stato ricoverato in ospedale.

L'assicurazione antinfortunistica dei vigili del fuoco, esaminando i processi applicati per il trattamento delle maschere di protezione respiratoria, ha appurato che erano state lavate in una speciale lavatrice a tamburo senza essere smontate, con un detergente diverso da quello raccomandato dal produttore delle maschere, e in seguito controllate. Alla fine non ha potuto ovviamente accertare se tutte le valvole fossero state controllate.

Ergo: il metodo utilizzato non era stato approvato. Oltre al vigile del fuoco infortunato, anche l'addetto alla manutenzione dei dispositivi di protezione respiratoria si è trovato in difficoltà.

Il trattamento automatico nella TopClean M significa anche maggior sicurezza per gli addetti alla manutenzione dei dispositivi di protezione respiratoria, perché il processo di lavaggio e disinfezione è approvato dai maggiori produttori di maschere.

Vantaggio della TopClean M: risparmio di tempo

Un altro svantaggio della disinfezione manuale è che ruba tempo prezioso agli addetti alla manutenzione dei dispositivi di protezione respiratoria soprattutto per rimuovere le tracce lasciate dai prodotti chimici utilizzati.

Se per 4 maschere di protezione respiratoria l'intero processo richiede in media 4,5 ore, con la TopClean il tempo per il trattamento si riduce del 60 % circa. Tutto ciò che resta da fare è smontare le maschere di protezione respiratoria, posizionarle nei cesti e, per finire, rimontarle e controllarle. Il resto è affidato ai programmi della TopClean M, con una durata da 6 a 10 minuti. In poco tempo è possibile lavare e disinfettare contemporaneamente fino a 4 maschere di protezione respiratoria, oppure 8 regolatori di pressione, o ancora 4 maschere di protezione respiratoria e 4 regolatori di pressione.

In conclusione

Olaf Fernys, responsabile, insieme a un collega, del lavaggio di 892 maschere di protezione respiratoria e di 661 regolatori di pressione presso la centrale dei vigili del fuoco di Lipsia, riassume semplicemente tutti questi argomenti:

«Più che il risparmio di tempo, quel 
che conta è la maggiore sicurezza e igiene
grazie alla TopClean M MEIKO!»