Contatti
Welcome to MEIKO.
Please select a country and click "confirm".
The clean solution

Cosa dovresti sapere sul nuovo coronavirus

Confermato dall’esperto virologo PD Dr. Dr. Friedrich von Rheinbaben.

PD Dr. rer. nat. Dr med. habil. Friedrich von Rheinbaben:

Dr. Friedrich von Rheinbaben ha studiato microbiologia e virologia presso le università di Bonn e Giessen. Nel 1987, è passato al mondo dell'industria e ha sviluppato il dipartimento virologico di Henkel KGaA. In seguito, ha lavorato per ECOLAB maturando un’esperienza di  oltre 25 anni di attività nelle aree di ricerca e sviluppo di queste due grandi aziende. Dal 2011 è coinvolto nel Gruppo HygCen.

Dr. v. Rheinbaben si è qualificato come professore presso la Witten/Herdecke University nel campo dell'igiene e microbiologia /virologia. Ha come incarico anche l’insegnamento presso la Witten/Herdecke University, in Germania, e presso l'Università del Danubio Krems, in Austria.
Dr. v. Rheinbaben è autore e coautore di diversi libri specialistici e molti articoli sulla prevenzione dell'igiene e delle infezioni e aiuta le aziende industriali in materia di igiene tecnica e industriale

I coronavirus sono una grande famiglia di virus che possono causare varie malattie. Di solito causano lievi infezioni respiratorie e intestinali negli esseri umani.

In passato, alcuni di loro hanno anche causato gravi infezioni polmonari come il virus SARS o MERS. Entrambi i virus provengono da ceppi precedentemente sconosciuti e si rivelano altamente pericolosi nei singoli casi.

Il nuovo coronavirus che è apparso per la prima volta in Cina alla fine di dicembre 2019 non fa eccezione a questo proposito. All'inizio è stato dato il nome 2019-nCoV. L'agente patogeno stesso è ora chiamato SARS-CoV-2. La malattia respiratoria che si innesca si chiama COVID-19.

Il nuovo coronavirus è un virus incapsulato. La perdita dell'involucro virale o la rimozione dei componenti lipidici della capsula  le impediscono di infettare le cellule ospiti. Questo fatto viene sfruttato per inattivare i virus incapsulati al fine di fermare il virus stesso di diffondersi.

Molti studi hanno dimostrato che il detergente alcalino è molto efficace contro i virus incapsulati.
Per contro, l'elevata efficacia dei detergenti alcalini contro i virus incapsulati è stata dimostrata in numerosi studi. Ciò vale in particolare per i detergenti ad alta capacità di risoluzione dei grassi e per le soluzioni di pulizia alcaline ad alte temperature comprese da 50° C a salire.

Come virus incapsulato, ad ogni modo, il nuovo agente patogeno non è più resistente alla disinfezione o ai processi di disinfezione rispetto agli altri virus incapsulati. Tuttavia, si può assumere che i corona virus siano molto sensibili alle temperature da 60°C a 70 °C.

Questa caratteristica significa con le soluzioni di lavaggio e disinfezione MEIKO  sono particolarmente efficaci nella disattivazione del nuovo coronavirus, come ha confermato il virologo e igienista PD Dr. Dr. Friedrich von Rheinbaben.

>> alla perizia TopLine
>> alla perizia TOPIC
>> alla perizia lavastoviglie a nastro e a traino
>> alla perizia lavastoviglie sottobanco, a capote e lavautensili
>> alla perizia TopClean M

In termini di pericolosità, il nuovo coronavirus è ovviamente paragonabile ai virus dell'influenza A.

Si può presumere che una grande percentuale di malattie sono asintomatiche o mostrano solo lievi segni di malattia. (Per fare un confronto: nel caso del virus SARS, si presume che ciò avvenga nell'80 % delle persone infette.)

In caso di malattia grave, non si può escludere un decorso letale del virus, soprattutto se ci sono altri fattori di rischio come una malattia cronica di base o la vecchiaia.

Il nuovo coronavirus viene trasmesso da persona a persona

Se i sintomi iniziano in modo simile a un raffreddore, secondo lo stato attuale delle cose si può presumere che sia stato trasmesso tramite contatto - di solito direttamente o indirettamente attraverso le mani.

Se, invece  si verifica un'infezione dei polmoni più profondo e si osserva la tosse come un sintomo importante in questa fase, si può presumere che l'agente patogeno sia stato diffuso tramite materiali particolari.
Ingoiando le secrezioni respiratorie, i virus raggiungono inevitabilmente il tratto digestivo. A condizione che tollerino le condizioni prevalenti lì (valore pH dello stomaco) potrebbero ancora moltiplicarsi nell'intestino, come è anche possibile una trasmissione fecale-orale. In ogni caso, queste sono indicazioni a seguito la rilevazione di materiale genetico del nuovo virus su vari pazienti.

In generale, tutte le secrezioni respiratorie sono considerate potenzialmente infettive - anche da persone che possono essere ancora nel periodo di incubazione. Questo può anche contaminare posate, piatti e bicchieri.

Comunque resta il fatto che il contatto con le feci è anche un percorso di trasmissione che non può essere escluso.

Raccomandazioni: Come proteggersi

"In generale, si applicano le raccomandazioni igieniche che si applicano a tutte le infezioni delle vie respiratorie", afferma il dott. Dr. Friedrich von Rheinbaben esperto virologo.

  • Evitare uno stretto contatto con i pazienti, e  se si sospetta di avere il virus evita il contatto con persone sensibili (ad esempio donne incinte, bambini piccoli, anziani).
  • Evitare folle di persone, soprattutto in spazi chiusi, ma anche in pubblico.
  • Tossire  e starnutire in un fazzoletto e gettarlo via immediatamente.
  • Lavare le mani con acqua e sapone, se necessario, soprattutto dopo l'uso del fazzoletto e dopo starnuti e tosse.
  • Con i coronavirus, la disinfezione delle mani non è assolutamente necessaria. L'agente patogeno è inattivato dal sapone con buone proprietà di dissoluzione del grasso. Tuttavia, lavare solo con acqua  non è sufficiente!
  • Se non c'è possibilità di lavarsi le mani subito , dovresti evitare di toccare bocca, occhi o naso e non dovresti mangiare cibo con le mani. L'igiene delle mani è ancora più importante quando si arriva a casa.
  • Se possibile, rimanere a casa per riprendersi da malattie respiratorie.

Istruzioni: Come lavarsi le mani correttamente

Quando si tratta di prevenzione delle infezioni, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha posto l'igiene delle mani in cima alla sua agenda. Cosa fare:

 

Avete altre domande ?
Compila il modulo sotto e invia